Fuori casa, ma con la schiscetta. Secondo un’indagine condotta da Doxa per Ancit-Confindustria è questa la pausa pranzo preferita dall’85% degli italiani. Di solito dura almeno un’ora e piace non solo per mangiare e ricaricarsi, ma anche per socializzare.

Non si tratta solo di riempire lo stomaco: il 48% degli intervistati considera la pausa pranzo un momento gourmet in cui ricaricarsi con un pasto fatto da alimenti buoni e salutari, mentre il 31% un ritaglio di tempo da condividere con i propri colleghi. Per fortuna solo il 13% sceglie di mangiare attaccato allo smartphone! (Beh sì ammettiamolo, capita a tutti!)

L’85% di loro ha infatti l’abitudine di portarsi sul luogo di lavoro un contenitore ermetico con il pranzo già pronto. Il 66% consuma gli alimenti freddi, mentre il 19% li riscalda nella cucina aziendale.

Tra gli alimenti preferiti dagli italiani che scelgono la schiscetta, secondo l’indagine Doxa-Ancit c’è l’insalata di riso e quella con tonno e pomodori, un alimento completo ma allo stesso tempo leggero. (fonte: repubblica.it)

Proprio in soccorso di tutti coloro che ne hanno le “schischette piene” di mangiare sempre le stesse cose, ritorna #MYSCHISCIA: la rubrica di Navitas Coworking che propone ricette veloci e sfiziose per la pausa pranzo in ufficio!

Lo chef che ha preparato la schiscetta di oggi è:

Gian Paolo Lambertucci del Galliano Pizzeria Ristorante Chalet di Civitanova Marche.

Al Galliano troverete ogni giorno Gian Paolo, Matteo e il loro team ad accogliervi con pizza bio, cucina di mare e sushi, vista mare. Pizza realizzata con pasta madre e farina bio certificata. Farcita con prodotti biologici e locali, poi cotta nel forno a legna. Cucina di mare con piatti della tradizione e non e anche sushi. Per mettere tutti d’accordo!

Per #MYSCHISCIA, Gian Paolo ha deciso di preparare un primo piatto vegetariano, che si ispira al gazpacho, la zuppa fredda a base pomodoro tipica dell’Andalusia:

Mezze maniche al gazpacho e crudità di verdure

Ingredienti per una/due porzioni:

160 gr Mezze maniche o pasta secca

2 pomodori rossi

1 cetriolo

1/2 cipolla fresca

4 foglie di basilico

100gr di pane, anche raffermo

peperone, sale, pepe, olio EVO qb

N.B. utilizzate le verdure, metà per il gazpacho, metà per la crudità

Procedimento

Portare una pentola con acqua a ebollizione.

Nel frattempo tagliate a pezzi il pane raffermo.

Sbucciate il cetriolo, tagliatelo a metà e raschiate via i semi.

Tagliate la 1/2 cipolla (dopo averla sbucciata) e 1/2 peperone.

Quando l’acqua bolle, salate e poi buttate la pasta.

Immergete per qualche secondo il pomodoro nell’acqua che bolle, poi togliete la buccia e tagliatelo a pezzi.

Ponete tutti gli ingredienti tagliati in un contenitore, aggiungete due foglie di basilico e riducete tutto in purea con un minipimer o un mixer.

Ora tagliate alla julienne il peperone, il pomodoro e la cipolla rimasti.

Scolate la pasta e mescolatela con le verdure sminuzzate, sale, pepe e olio EVO qb.

Come impiattare:

Mettete sotto il gazpacho e sopra distribuite la pasta e le verdure. Aggiungete il basilico, un filo di olio EVO ed una spolverata di pepe.

#MYSCHISCIA e’ pronta. Buon appettito!

P.S. Hai preparato una schiscetta che farà invidia a tutti i tuoi colleghi? Condivi la sua foto con l’hashtag #myschiscia